Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Il blog sotto il mare

Quando pensavo ad un blog come questo lo immaginavo come un porto di mare nel quale avrebbero attraccato imbarcazioni dalle più svariate provenienze e marinai con le storie di una intera vita da raccontare.

Più realisticamente, mi piace immaginarlo in questo momento come un accogliente café nel quale amici vecchi e nuovi amano fermarsi almeno una volta ogni tanto tradendo il proprio stress quotidiano in favore di una pausa goduta sul filo di importanti affinità elettive.

Mi piace immaginarlo come il Bar sotto il mare, un luogo in cui tutto può accadere e nulla accade senza lasciar traccia, metafora di un luogo in cui si capita per caso ma non altrettanto per caso si può levare il disturbo. Ad ognuno la sua parte. E già non si capisce, tra realtà e metafora, se si stia parlando di un libro che racconta di un bar, di un café orchestrato come un’amicizia, di un’amicizia o di un amore affidati in modo imperituro alla carta.

Chi giunge per la prima volta al Bar sotto il mare condividerà con gli altri avventori il segno di riconoscimento (una gardenia all’occhiello), verrà invitato dal barista a mettersi comodo, avrà l’occasione di ascoltare i racconti strampalati, incredibili ma quasi sempre vissuti dalla viva voce dei personaggi più inverosimili.

Chiunque entri nel Bar sotto il mare non può andar via dalla stessa porta dalla quale è entrato, anche se il libro si chiude con le stesse parole dell’incipit: che non sono più solo pensate dal protagonista ma raccontate. Raccontare una storia, sedimentata e cresciuta su altre storie, è il filo coerente che rende credibile e possibile il Bar sotto il mare, il motivo per il quale probabilmente siamo qui, in questo café nel quale ogni storia non si perde finché le parole affidate alla carta non scolorano.

Non so se mi crederete. Passiamo metà della vita a deridere ciò in cui altri credono, e l’altra metà a credere in ciò che altri deridono… [continua]

Annunci

5 commenti su “Il blog sotto il mare

  1. StregaDiCarta
    5 ottobre 2004

    ero indecisa se acquistarlo ieri, poi ho preso “il libro dell’inquietudine”, non l’ho ancora letto e credo sia il caso. Il bar sotto il mare sarà il prossimo, rinviata la discussione in proposito, ok??

  2. BibliotecadeBabel
    5 ottobre 2004

    Ok, ok… Per il Libro dell’inquietudine bisognerebbe chiedere al Capitano se gli è piaciuto (glielo avevo regalato ad aprile). 🙂

  3. StormyCaptain
    5 ottobre 2004

    Mi è piaciuto (pessoa è inimitabile) ma, a cominciare dal titolo, immaginavo che mi sarei rispecchiato di più nei contenuti. Più che inquieto, il protagonista sfiora quasi l’apatia.

    L’inquietudine è tutt’altra cosa. Parola di Capitano… 😉

  4. StregaDiCarta
    6 ottobre 2004

    credo diventerà uno dei libri più sottolineati in generale.

    Capitano secondo me non è apatia, apatia è quello che passa fuori, ma dentro Pessoa è inquieto, instabile, frenetico nelle riflessioni, nel colpevolizzarsi, nel rendersi conto, continuo fermento di idee che approfondiscono la realtà, non è assolutamente indifferente, ovvero apatico, nei confronti del mondo, secondo me.

  5. Morrigan2
    12 ottobre 2004

    Esatto! A-patico, come vuole l’etimo, significa senza emozioni.Fate un po’ voi…:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 ottobre 2004 da in Stefano Benni con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 115 follower

Pagine sfogliate da

  • 146,298 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: