Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Viaggi d’autore

Che Aldous Huxley sia stato scrittore e saggista d’eccezione è cosa nota.

Titoli come Giallo cromo, Punto contro punto e Mondo nuovo suonano familiari ai frequentatori del romanzo americano del Novecento, così come familiare suona l’accostamento a George Orwell in quel particolare genere letterario che si snoda tra fantasia e critica sociale.

Ciò che forse è meno noto è che Huxley fu anche viaggiatore curiosissimo (“Il turista che non ha curiosità è condannato alla noia”), un po’ snob, allergico alle mete obbligate e ai luoghi comuni. E che la sua idea di “viaggiare” coincideva essenzialmente con l’avventura umana e il bisogno di scoperta autentico, agli antipodi dei percorsi canonici e del seguire passivamente le indicazioni da manuale. Il viaggiatore “ideale” è per Huxley “interessato alle cose reali, non giudica necessario credere nei miti e ama le cose sconosciute proprio in quanto sconosciute, si entusiasma per ogni manifestazione di bellezza”.

Come tanti altri americani anche Huxley, nel 1921, approda in Italia, stabilendosi in Toscana e da lì intraprendendo tutta una serie di spostamenti lungo la Penisola, in barba alle strade spesso impraticabili. Dalle sue note di viaggio, tradotte anche in italiano con il titolo Lungo la strada, veniamo a sapere quanto fosse profondo estimatore dell’arte toscana e quali e quante siano state per lui le “scoperte” mirabili e assolute.

Su tutte, la Resurrezione di Piero della Francesca, che ammira a Borgo San Sepolcro prendendo questi appunti:

“La base del triangolo è formata dal sepolcro; e i soldati che dormono intorno ad esso segnano con la loro collocazione lo slancio verso l’alto dei due lati, che si incontrano al vertice nel volto del Cristo Risorto, il quale, con una bandiera nella mano destra, il piede sinistro già alzato e posato sull’orlo del sepolcro, si prepara a rientrare nel mondo. […] I colori chiari, ma sapientemente sobrii splendono sulla parete con una freschezza appena attenuata dal tempo. L’umidità non ha confuso l’immagine, lo sporco non l’ha scurita. Non dobbiamo ricorrere all’immaginazione per figurarcene la bellezza; è lì di fronte a noi nel suo reale splendore…”.

Huxley ne rimane folgorato, e la definisce senza ripensamenti “il più bel dipinto del mondo” indicando con Piero della Francesca una sorta di “corresponsione” personale ed una incondizionata ammirazione per la sua “grandezza naturale, spontanea, senza ostentazione” che “raggiunge una naturale grandiosità in ogni gesto senza sforzo cosciente”. Anche quando paragonata, ad esempio, alla straordinaria Flagellazione di Urbino, l’opera da lui amata rivela maggior forza, scaturita dal “volto severo, pensoso, gli occhi freddi” del Cristo che, insieme all’intera figura, esprimono “forza fisica e intellettuale”.

Curiosamente, poi, nelle sue annotazioni da “turista”, le sue predilezioni si ricompongono in una sorta di guida alla visione di Piero secondo un itinerario ideale che parte dalla National Gallery per concludersi ad Arezzo, Sansepolcro e Urbino, lì dove la mancanza di un “obbligo morale” vincolato dall’estasi dipendente in larga parte “dalle stelle del Baedeker” (“assegnate più generosamente a opere d’arte nelle città più facilmente raggiungibili che a quelle nelle città difficili da raggiungere”) permette la scoperta dei “veri capolavori” dell’arte.

Annunci

2 commenti su “Viaggi d’autore

  1. giacinta
    15 marzo 2011

    Ho letto molto di Huxley diversi anni fa. Ho trovato molto belli i romanzi – conversazione e profetica la distopia “Il mondo nuovo”. Non conoscevo lo scritto che hai presentato così bene.
    A proposito di “trip”, eri al corrente che i Doors di Morrison presero il loro nome dallo scritto di Huxley ” le porte della percezione”? In effetti Huxley era un esploratore vero, non negò a se stesso alcuna esperienza…

  2. Stefania Mola
    15 marzo 2011

    @giacinta
    Carissima,
    in effetti anche per me queste letture risalgono ad “altri tempi” (e ad edizioni ormai datate, tranne che nel caso de Le porte della percezione, che possiedo in un’edizione del 2002). Per inciso, anche questo post fa parte dell'”archivio”, ma purtroppo WordPress invia i feeds se solo aggiusti un link, come ho fatto ieri.
    Quella dei Doors è un’avventura legata ad Huxley per molti versi (e a Blake, da cui Huxley aveva preso in prestito le porte della percezione come immagine). Legata e fedele fino all’ultimo: visto come sono andate le cose per Morrison, direi che del trip era stata presa alla lettera proprio la chiusa di Huxley: l’uomo che da quella Porta ritorna non è più lo stesso rispetto a quando ne è uscito. Come in ogni viaggio degno di questo nome, nel bene e nel male.

    Un abbraccio affettuoso a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 marzo 2005 da in Aldous Huxley, George Orwell, Piero della Francesca con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,042 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: