Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Opera aperta

Siamo muti nel mondo, a meno che, in un certo senso, non riveliamo le nostre storie, rendendole manifeste quanto i nostri gesti e i nostri vestiti. Se mostriamo poco finiamo per restare intrappolati all’interno dei nostri racconti, isolati dagli altri. Gli intrecci sono la spina dorsale di un racconto; la carne sta nei dettagli. Ciò che chi racconta trascura è importante quanto ciò che viene detto.

La storia è semplice e lascia la bocca amara.

Forse perché un racconto – rispetto ad un romanzo – difficilmente si perde in chiacchiere e orpelli. È tutto lì, concentrato nell’essenziale, nella parola che non è mai di troppo e scava, indugia, si sofferma, usa la lente d’ingrandimento, porta in luce il particolare minimo, gli conferisce diritto di cittadinanza e voce, lo rappresenta.

È un occhio che indaga nel buio, quello di Maeve Brennan, non solo quando si volge al giardino, alla casa e alla distanza che separa questi due corpi vivi ma stremati dagli effetti del tempo e della memoria. Ma anche quando analizza senza remissione la possibile estraneità a quelle che crediamo le nostre radici. Per dirci che l’unica dimensione ammissibile è il cambiamento, e quel che resta sono le origini, unico arco in grado di scagliarci come frecce verso ciò che sarà distogliendoci da ciò che è stato.

Soltanto ciò che non insegna, ciò che non chiede a gran voce, ciò che non convince, ciò che non accondiscende, ciò che non spiega è irresistibile.

(William Butler Yeats)


Maeve Brennan
La visitatrice
Rizzoli, Milano 2005

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 ottobre 2005 da in Maeve Brennan, William Butler Yeats con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,775 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: