Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

L’infinito viaggiare

magritte_robe_de_soireeCiò che si sa è che è sempre una questione di sguardi sulle cose. Non siamo altro che questo, o poco più, ed è in quello sguardo cavo lasciato rotolare sul mondo che si imprime il calco del vissuto, dell’esperito, del nuovo generato dalla persuasione.

Lo sguardo per-suaso del viaggiatore racchiude una radice dolce, e conduce al piacere abbandonato di un gusto soave, fluido, lieve. Inatteso.

Vive nell’attimo e differisce la morte. Come la vita e il poterla raccontare.
Con l’indulgenza che avvicina il viaggiatore al lettore sregolato di Huxley e al medesimo vizio della mente. E con l’intima libertà e contraddizione che pervade solo il vivere, il viaggiare e lo scrivere, verbi allergici all’imperativo almeno quanto il leggere, l’amare e il sognare.

Verbi del movimento, affamati di inatteso in senso serendipico e – soprattutto – sospensivi di ogni esito.

Infinito, il viaggiare, perché inconcludibile anche nella sua eventuale circolarità, laddove ogni illusorio confine (intimo, mentale, culturale) si sposta con il nostro procedere, anche dalla poltrona di casa attraverso le pagine che raccontano queste storie.

Giunti al termine delle quali si ritorna ad abitare meglio la casa da cui ci si era separati, quello sguardo su cui poggia il senso stesso dell’allontanarsi e ritornare, del ripartire e ricominciare.

Occhi nuovi con cui guardare le cose, al di là dei luoghi e delle distanze, dando un senso all‘attimo.

[Questo è ciò che resta – nonostante numerosi tentativi di “ricostruzione” – di un post volenteroso sull’infinito viaggiare, con o senza ritorno, prezioso taccuino tra l’altro magistralmente recensito oggi sulla Domenica del Sole24Ore a firma di Salvatore S. Nigro. Perseverando nell’errore di scrivere direttamente “in bella” (leggerezza cui basta un comando che si “incanta” per pagarne le conseguenze), saldo il conto e non ritento].

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 gennaio 2006 da in Claudio Magris, Daniel Pennac, Salvatore S. Nigro con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 115 follower

Pagine sfogliate da

  • 146,298 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: