Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Storie di carta

Aerei – 1982

Alighiero Boetti

Milano, Studio Giangaleazzo Visconti
corso Monforte, 23

8 marzo 2006 – 31 maggio 2006

info

In principio fu il gioco: lui e l’altro sé. Il gioco comune e quotidiano degli oggetti, dei segni, della materia. Musica e colori semplici, quelli dell’ordine cosmico.

Poi il confine, il caos, il mescolarsi fluido e avvicente di lingue e culture. Nuove geografie e inaspettate combinazioni. Le forme precarie del tempo e dello spazio, la possibilità di un ricomporsi altro, nel loro scorrere e divenire ininterrotto, negli improvvisi cortocircuiti dei pensieri che si incontrano.

Vecchie storie di carta che raccontano le alchimie gioiose di una storia nuova: la comprensione del mondo e la sua immagine, l’ordine e il disordine, il frammento e la complessità.

Sembra niente, invece è Quasi tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 marzo 2006 da in Alighiero Boetti con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,791 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: