Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

No party

Donne al rogo
dal “Manifesto” del 25 febbraio 2006

di Mariuccia Ciotta

La chiave non è stata trovata subito.
Il padrone della Kts Textile Mills di Chittagong, Bangladesh, l’aveva messa al sicuro, al contrario dei 500 operai del turno di notte che al sicuro non ci stavano affatto. Anche le finestre erano chiuse per impedire che qualcuno lasciasse il lavoro. Così ieri sono morti in 65 (bilancio provvisorio, centinaia i feriti), la maggioranza donne, ma l’odore di bruciato non è arrivato fino a noi, tanto che i telegiornali hanno ignorato la notizia nei titoli di testa. Quella fabbrica è lontana, dove sta Chittagong sulla cartina geografica? Così lontana anche per le condizioni disumane, ottocentesche, antisindacali in cui vivono i lavoratori che hanno visto i rotoli di stoffa sparsi qua e là avvampare per lo scoppio di un radiatore elettrico, e provocare un rogo improvviso, senza via di fuga, senza scampo. Erano le 5.30 del mattino e le fiamme si sono propagate rapidamente in tutto il fabbricato tanto che i vigili del fuoco dopo dodici ore parlavano di numerosi corpi da recuperare sotto le macerie. Molti operai sono rimasti bloccati da ondate di fuoco e di fumo, alcuni hanno sfondato le finestre e si sono gettati dal terzo piano.

L’immagine del disastro riporta indietro fino al 1908 quando 129 operaie tessili – in sciopero per ottenere orari e condizioni decenti di lavoro – bruciarono nello stabilimento della Cotton di New York, chiuse a chiave dalla proprietà. E l’episodio, accaduto l’8 marzo, si vuole all’origine della Festa della donna. Una tragedia persa nell’immaginario che dà ancor di più un’aura da “leggenda” a quella successa ieri. Eppure abbiamo i loro abiti negli armadi.

Sei miliardi di dollari annui, infatti, sono il fatturato dell’esportazione dei prodotti tessili del Bangladesh, dove le donne sono le più utilizzate e prendono stipendi più bassi degli uomini per turni massacranti, spesso di notte, sicurezza zero.

Nell’aprile del 2005 più di 70 persone sono state schiacciate dal crollo di una fabbrica tessile illegale costruita abusivamente su un terreno paludoso a Palash Bari, distante pochi chilometri da Dacca. Nel 2000, 48 operai sono morti in un altro incendio sempre vicino alla capitale, l’uscita di sicurezza era chiusa. E il conto sale fino a 350 morti e 2.500 feriti negli ultimi anni in quei baracconi che si chiamano “fabbriche delocalizzate”, lontane. Vicinissime.

È dietro l’angolo la Kts Textile Mills con i suoi marchi occidentali che troneggiano nelle nostre vetrine, e che non vogliono sapere delle ditte in franchising dove le porte sono chiuse. Non c’è né tempo né distanza che ci separi da Chittagong e dalle operaie prigioniere – fantasmi che ardono dietro finestre sbarrate – i cui nomi non sapremo mai.

Di quella chiave che non si trova, qui, molti ne hanno una copia in tasca.

————————————————————–

Al di là dei miti, le ceneri restano.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 marzo 2006 da in Mariuccia Ciotta con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 116 follower

Pagine sfogliate da

  • 145,588 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: