Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

La città invisibile

L’uomo del Rinascimento
Leon Battista Alberti e le arti a Firenze tra ragione e bellezza

Firenze, Palazzo Strozzi
11 marzo 2006 – 23 luglio 2006

 

C’è una città dietro le quinte, una trama monocroma densa che coincide con i colori e la solennità della fuga calzando a pennello un rigore che oltrepassa l’idea, l’appunto, la citazione.

Come ad Isaura, “un paesaggio invisibile condiziona quello visibile”. Come nell’altra, quella che si vede, puoi girovagare senza meta e senz’ordine, senza misura d’uomo, sulle prospettive incrociate, radente i muri, intorno a quei pozzi che affondano nel ventre del suolo risucchiandone le acque profonde e nel contempo si spingono al cielo.

In fondo, che importanza ha sapere da dove arrivi questa città senza figure?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 marzo 2006 da in Italo Calvino, Leon Battista Alberti con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,042 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: