Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Di occhi e di mani

Antonello da Messina

Roma, Scuderie del Quirinale

18 marzo 2006 – 25 giugno 2006

Andare dove portano gli occhi di Antonello, abitare la concessione di uno spazio creato dalla distanza e modellato dal gesto.

Occhi che sfidano, dritti nello sguardo, invasivi, beffardi. O palpebre abbassate su consapevolezze lontane, concentrate, assorte. Occhi che sfuggono, rivolti al cielo, imploranti, assenti, interrogativi, esclusi.

Occhi vivi come un gesto in cui l’aria vibri e lo spazio penetri nella misura.

Come una mano a mezz’aria che lo plasmi scavando un solco che è intervallo, lontananza del nostro essere al di qua da quel mondo in cui il sovrannaturale accade mescolandosi ai frantumi terreni, abitando sorpresa e timore, coscienza e sgomento.

Un mondo nel quale tocchi il pianto degli angeli, la disperazione del Cristo e i suoi umori fragili di lacrime e sangue, vivi di luce e arresi al compimento del proprio destino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 marzo 2006 da in Antonello da Messina con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,042 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: