Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

La donna che parlava con i morti

Mi è difficile riuscire a credere. Mi è difficile riuscire a non credere.

Nella fuga, in quello [s]fuggire (a sé stessi, agli sguardi, alle responsabilità) che caratterizzava i personaggi dei precedenti romanzi di Remo Bassini c’era in fondo la volontà di riappropriarsi di sé.

Qui Anna, Fabrizio, gli altri tre amici di gioventù, dietro una fuga apparente (calamitata da Marta che – seppur in modo differente – attraversa le loro vite) affrontano in realtà una prova ben più dura: fanno i conti con il loro passato, con quegli affetti (irrimediabilmente) perduti che incidono pesantemente nella loro solitudine quotidiana. Ed è una partita dopo la quale nulla sarà come prima. La cosa straordinaria (ed è il caso di Anna) è essere sopravvissuti e poterla raccontare.

Per chi voglia, ne ho scritto qualcosa qui.


Remo Bassini
La donna che parlava con i morti
Newton Compton, Milano 2006

I libri precedenti:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21 novembre 2007 da in Remo Bassini con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,324 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: