Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Sotto pelle

Bacon

Milano, Palazzo Reale

5 marzo – 29 giugno 2008

«Il corpo è Figura, non struttura. Inversamente la Figura, essendo corpo, non è volto e neanche ha volto. Essa ha però una testa, perché la testa è parte integrante del corpo. Può addirittura ridursi alla testa. Come ritrattista Bacon è un pittore di teste, non di volti. Tra le due cose c’è una grande differenza. Poiché il volto è un’organizzazione spaziale strutturata che riveste la testa, mentre la testa è un’appendice del corpo, benché ne sia la cuspide. […] Come ritrattista Bacon insegue dunque un progetto molto speciale: disfare il volto, ritrovare o fare emergere la testa sotto il volto».

Ho sempre sognato di dipingere il sorriso, ma non ci sono mai riuscito.
(F. B.)

Annunci

6 commenti su “Sotto pelle

  1. Patrizia
    5 marzo 2008

    Si può spingere il ragionamento più in là affermando che Bacon vuole dipingere ciò che sta sotto l’apparenza del volto?
    Non so, chiedo a te perché l’argomento è interessante, ma non so affrontarlo chiaramente.
    OT: ho notato con piacere che stai tornando al blog. Ciao.

  2. prishilla
    5 marzo 2008

    quindi secondo bacon il sorriso è nella testa?

    prishilla

  3. Stefania Mola
    5 marzo 2008

    Patrizia carissima,
    hai ragione, l’argomento è interessante (e soprattutto complesso). Attira e respinge, e non so se mi piacerebbe avere a casa il suo inferno privato sotto forma di quadro.

    In ogni caso sì, Bacon (che si chiedeva che altro fossimo se non potenziali carcasse) vuole sbatterci in faccia – senza troppi complimenti – proprio ciò che l’involucro racchiude. Come se strane protesi deformanti agissero all’interno del corpo trasformando la fisionomia in grugno animalesco e maschera di morte (dice ancora Deleuze), scorticando il volto fino a mettere a nudo l’unica verità possibile, quella che ognuno di noi porta sotto la pelle. Crudele, che preferiremmo non vedere.

    Affascinante e repellente, senza dubbio. 😕

    p.s. Spero tu abbia ricevuto la mia mail di ieri notte, visto che ultimamente la posta elettronica mi ha giocato qualche scherzo. 😀

    Ti abbraccio.

    Prishilla, buondì (be’, veramente… bonne nuit 😉 )
    Direi di no. Mi auguro che quel sorriso che non è mai riuscito a dipingere appartenga solo a quei volti che non ha voluto dipingere.

    Un saluto affettuoso 😀

  4. prishilla
    6 marzo 2008

    Grazie di questa risposta, che, lo confesso, mi rassicura!

    Buona giornata, Prishilla

  5. giulia
    9 marzo 2008

    Interssante, affascinante, ma anche iquietante… Giulia

  6. Stefania Mola
    11 marzo 2008

    Prishilla,
    è per sopravvivere alle ossessioni di Bacon… 8)

    Giulia,
    l’inquietudine che nasce dal fascino di qualcosa che ci attrae e ci respinge allo stesso tempo 😯

    Buona giornata a voi, e a chi si affaccia nel frattempo. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 marzo 2008 da in Francis Bacon, Gilles Deleuze con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 115 follower

Pagine sfogliate da

  • 146,685 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: