Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Due libri in tasca

Si può dire che vivessi con le parole, sicché le cose che scrivevo non erano destinate ad altro uso se non a quello di praticare la scrittura. Non desideravo tanto essere uno scrittore (sebbene in fondo lo sognassi), quanto consacrarmi a imparare la scrittura.

Il mestiere di scrivere è sopravvalutato e troppo spesso giustificato come la risposta ad una “urgenza”. Come l’unico modo per placare il “sacro fuoco”. Tusitala si nasce, e tuttavia la passione per la scrittura da sola non basta a fare lo scrittore. Tanto meno a dichiararsi tale con troppa facilità. La scrittura, suggerisce Stevenson, passa per il come e non per il perché. Un come che si costruisce con pazienza e nel tempo attraverso l’influenza profonda e silente dei libri già scritti.

Per cercare di diventare scrittori – suggerisce – esiste un solo modo, ancora valido e di sorprendente attualità. Che non è quello di fare a meno della tradizione. Che è capacità di leggere – ovvero di scegliere il nutrimento più appropriato e capirne il significato – in mancanza della quale le parole rimarranno silenti e inarticolate a quelle orecchie impassibili, e il segreto dello scrittore rimarrà intatto, come se non l’avesse mai scritto.

Che è ricerca di un metodo, applicazione di una disciplina alle “urgenze”, attraversamento di ripetuti fallimenti (l’unica strada maestra verso il successo), accettazione di temporanee inerzie sì come di tempi morti e improduttivi. Stevenson racconta di due libri in tasca, uno per leggere e l’altro per scrivere, inseparabili compagni di viaggio nell’attraversamento del mondo. Strumenti indispensabili per imparare a scrivere attraverso un paziente lavoro solitario condotto sulle pagine altrui (che piaccia o no, questo è il mezzo per imparare a scrivere. Che ne abbia approfittato o no, è questo il modo) senza demordere, alla ricerca della propria originalità, che mai potrà essere assoluta. Un bagno d’umiltà, il capirlo.

Imparare a leggere (e continuare a farlo) per imparare a scrivere: torna un’indicazione ben nota e poco realizzata, a costruire un senso, trovare il proprio “modo” di rileggere, cercare la propria voce, come ricorda opportunamente Antonio Pascale nell’introdurre i quattro saggi del grande scrittore scozzese dedicati a questa riflessione sulla lettura, la scrittura e il bisogno profondo dell’uomo di raccontare storie. Saggi che disegnano i contorni della sua “educazione sentimentale” letteraria: dai primi passi nel mondo della letteratura (Una rivista universitaria) ai suoi libri preferiti (I libri che mi hanno influenzato), dalle teorizzazioni su novel e romance (Una chiacchierata sul romanzesco) alla predilezione per il Visconte di Bragelonne di Dumas (Un romanzo di Dumas).

Scritti d’autore percorsi da un unico filo rosso: che scrivere sia un po’ come raccontare d’amore. Non nel senso romantico ed “esclusivo” (io e te contro il mondo) per il quale si crede che l’amore renda la vita migliore. Bensì in quello più realistico e lato (io, il mondo e te) nel quale raggiungere l’amato bene della scrittura significhi prima di tutto entrare in relazione con tutto ciò che vi è intorno: “attraversare il mondo” pensando – più che a diventare scrittori – a fare pratica di scrittura. L’amore che renda la vita – se non migliore – almeno possibile.


Robert Louis Stevenson
Con due libri nella tasca. Vademecum per scrittori affamati e lettori esordienti
Edizioni Spartaco, Santa Maria Capua Vetere 2008

Annunci

4 commenti su “Due libri in tasca

  1. Montgolfier
    26 marzo 2008

    ora mi inchiodo questo cartello in casa:

    pensando a fare pratica di scrittura

    come se scrivere fosse qualcosa che non può mai essere raggiunto, come se dietro ogni parola si dovesse mantenere accesa l’incertezza, e soprattutto, la sicurezza di non essere arrivati mai

    bella segnalazione

  2. Stefania Mola
    26 marzo 2008

    Quando ho letto questo libercolo l’ho trovato di spaventosa attualità. Sembrava che Stevenson avesse scritto dopo essersi sciroppato un po’ degli ultimi best sellers spacciati per capolavori o libri del secolo…

    Comunque, ha ragione. E credo che l’umiltà (e il realismo) di considerare le cose che facciamo sempre in fieri e mai arrivate debordi dal campo della scrittura per invadere qualsiasi altra sfera. Certo, considerata la smania scrittoria dilagante ad ogni livello, resta il campo esemplare.

    Mantenere accesa l’incertezza… me la segno. 😀

  3. giulia
    27 marzo 2008

    Che bellissimo post. “Un bagno d’umiltà, il capirlo”.Hai proprio ragione e da tempo io scrivo senza voler diventare scrittrice anche se confesso, una volta lo desideravo. Ora so che non ne sarei all’altezza, ma ugualmente scrivo per imparare, per raccontare e entrare dentro di me e capirmi meglio. E ho sempre due libretti in tasca… li ho davvero da sempre. Bello. Da tempo cerco di passare da te, ma il computer mi si blocca e segnala virus… oggi sono risuscita entrare qua. Un abbraccio e buona primavera, visto che non sono riuscita a dirti buona Pasqua. Giulia

  4. Stefania Mola
    28 marzo 2008

    Giulia,
    hai detto una cosa di cui sono profondamente convinta. Che, male che vada, lo scrivere, la pratica della scrittura, riesce a farci conoscere meglio a noi stessi. Amo molto gli scrittori che parlando di sé dicono: Sono uno che scrive.
    I due libri in tasca ci rendono Stevenson un vero compagno di viaggio, sì. 😀

    p.s. Non c’è stata occasione per diversi motivi, ma i miei auguri per te sono qui, anche se in differita. 🙂 Se hai problemi con il sito di Splinder torna senz’altro su WordPress. È proprio per questo che sto cercando di completare il trasferimento dei post (lavoro lungo e faticoso) su questa piattaforma.

    Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 marzo 2008 da in Robert L. Stevenson con tag , , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 118 follower

Pagine sfogliate da

  • 158.837 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: