Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Da qui all’eternità

Caro Fabrizio,
mi ricordi alcune persone straordinarie che ho avuto la fortuna di incontrare in passato. Alcuni “don” con le maniche della camicia arrotolate, il sudore sulla fronte, le mani ruvide, i modi pragmatici e senza fronzoli e le parole giuste. Guardati con sospetto tanto dalle gerarchie terrene quanto dagli ipocriti della porta accanto.

Perché non si è un “don” come tanti quando ci si sporca ogni giorno le mani nella vita a margine, e non a chiacchiere.

È bello scoprire che tu sia riuscito a toccare anche chi – diversamente da te – ha scelto un cammino guidato da altri dèi. La storia, la scienza, la filosofia, la politica, l’indifferenza… cose che ci appartengono – è vero – ma a cui scegliamo o meno di appartenere. Pazienza se qualcuno non riesce a intravedere l’eternità nelle tue pagine; tu hai toccato le sue corde. Perché le storie che racconti sono la tua storia, e nelle persone che hai incontrato la tua storia si specchia, e si riconosce.

Credo anche che a quell’eternità che il lettore cerca tra le righe tu abbia voluto dare l’immagine bella e struggente del “salotto buono” – che mi ha fatto venire gli occhi lucidi – mentre scrivi delle smisurate possibilità dell’infanzia (il lutto bianco che tutti portiamo dentro). «Quel salotto buono era il paradiso: un luogo che concentrava tutte le speranze, le nostre povere speranze di bambini, felici per niente, sicuri dell’amore».

E penso, anche, che la forza dei tuoi racconti, al di là della tua scrittura impeccabile, degli echi e dei rimandi “culturali”, sia nella trasgressione. Guardiamoci intorno: pare che l’unica via (che ci costruiamo con le nostre mani, peraltro) sia quella distruttiva che approda alla disperazione e non prevede redenzione. Tu dimostri che la disperazione non è il punto d’arrivo, ma quello di partenza.

Di questi tempi è trasgressivo esserne convinti. Ma è ciò che fa la differenza.


Fabrizio Centofanti
Guida pratica all’eternità
Effatà, 2008

9 commenti su “Da qui all’eternità

  1. ange
    24 dicembre 2008

    Cara Stefania,
    [Ti] voglio bene alle tue parole, che scegli di condividere, quando apri la finestra sul tuo mondo che è bello da guardare, e da “finirci dentro” -saltando il basso davanzale –
    Vabè, ho promesso (letterina di Natale) che scriverò meno parole, solo quelle necessarie, ad esempio: abbraccio e amicizia.
    Angela

  2. elianto
    24 dicembre 2008

    Ti seguo. L’orizzonte – cui la disperazione è nemica – è trasgressivo di per sé. Una continua ripartenza. Mi auguro che anche noi possiamo trovare il coraggio semplice della ripartenza, della tensione a un approdo buono. Il compenso promesso a chiunque tenti (o osi) procedere, sia pure faticosamente, “sicuro dell’amore”.

  3. CINZIA PIERANGELINI
    26 dicembre 2008

    Devo leggerlo Centofanti. Ma intanto devo lasciarti gli auguri per Natale. Auguri Stefania.

  4. Stefania Mola
    26 dicembre 2008

    Carissime, grazie.

    A proposito di quel che dice Ange, trovo che grazie sia parola assolutamente necessaria e si accompagni bene ad abbraccio e amicizia.

    Ci aggiungerei la ripartenza di Elianto ed anche il devo di Cinzia (parola che, più che come pesante fardello dell'”obbligo”, sento nel senso di “desiderio”, “necessità”, finanche “bisogno”).

    Scrivo sempre la letterina all’anno vecchio e a quello che verrà, e il buon proposito delle sole parole necessarie mi pare – per restare in tema, e viste le tendenze più alla moda (quelle impunemente logorroiche) – davvero e fascinosamente trasgressivo.

    Ancora, grazie.

  5. giulia
    28 dicembre 2008

    Grazie per aver postato queste parole. Ti lascio anche qui i miei più cari auguri, Giulia

  6. CINZIA PIERANGELINI
    29 dicembre 2008

    senti nel senso giusto, ovviamente e visto che son qui ed è raro ‘devo’ lasciarti gli auguri per l’anno nuovo: te lo auguro fantastico!

  7. Stefania Mola
    29 dicembre 2008

    Grazie Giulia, grazie Cinzia,
    come potrei non ricambiare e augurarvi che nell’anno che verrà si realizzi qualcosa – anche una sola piccola cosa – tra quelle che desiderate da tempo?😀

  8. Pino
    31 dicembre 2008

    ciao Stefania, sei sempre nei miei pensieri, un pensiero d’autore. Ti auguro un 2009 di successi e di amore e salute.

  9. Stefania Mola
    31 dicembre 2008

    Pino!
    Che bella sorpresa!😀
    Grazie, troppo buono… mi accontento del minimo (basterebbe).

    Visto che ormai ci rivedremo l’anno prossimo, un abbraccio e auguri anche a te.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 dicembre 2008 da in Fabrizio Centofanti con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 115 follower

Pagine sfogliate da

  • 142,330 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: