Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Das letzte Stück

«Adesso che E la nave va è finito, non sono più in grado di dire quale era il sentimento originario. Ricordo che parlavo di personaggi dal fascino struggente, come quello che hanno le fotografie di persone sconosciute. Dicevo di voler fare un film con lo stile delle prime pellicole, che doveva essere tutto in bianco e nero, anzi rigato, con macchie di umidità, come in un reperto di cineteca. Un falso, insomma, e proprio questo mi seduceva, perché penso che il vero cinema debba essere così. Forse questa volta ho impiegato un pochino più di tempo nella scelta delle facce. Mi pareva di aver bisogno di volti che potessero verosimilmente sembrare quelli di persone che non esistono più, scomparsi nel tempo, e che ci toccano, ci incuriosiscono, perché quel modo […] di remota lontananza, di toccante estraneità […] di fissarci con uno sguardo perduto per sempre, con la voglia di rivelarci il senso di una storia, il racconto di un’esistenza».

(Federico Fellini, L’arte della visione, Donzelli, Roma 2009)

Annunci

4 commenti su “Das letzte Stück

  1. AlfaZita
    1 luglio 2009

    Che tessitura Stefania!

    Parlare con Fellini di Pina Bausch,non nominarla mai,tenerla sottotraccia, apprendere di lei mentre amplia lui il suo mondo fantastico…

    Aspettavo da molto questo tuo segno, di trame colorate che intrecciano il reale con il fantastico.

    Ti leggo sempre con infinito affetto. Alexandra (AlfaZita)

  2. Stefania Mola
    1 luglio 2009

    Cara Alexandra,
    hai colto perfettamente (e non avevo dubbi su questa tua attenzione speciale). In quella pagina dedicata a E la nave va Fellini racconta qualcosa che sembra ritagliato proprio intorno a lei, alle ragioni per cui scelse Pina Bausch per interpretare la principessa cieca del film. Non c’è il suo nome, e non ho voluto – né avrei potuto – aggiungere nulla a quanto le parole evocano con tanta forza.
    Mi viene in mente Shakespeare: Ma poi, che cos’è un nome? Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d’avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome?

    Grazie della compagnia in queste pagine, e dell’affetto; li porto con me. 🙂

  3. Alexandra
    2 luglio 2009

    Capita spesso che la scrittura mi porti altrove, in un mondo sconosciuto visto di scorcio, e l’ascolto con trepidazione, sorpresa che tutto ciò viene direttamente dal cuore.

    Tu,cara Stefania,

    hai aperto una porta laterale, hai creato un taglio di scena di lunga prospettiva obliqua; una lacerazione del senso commune del racconto, un superamento del carattere ideale della bella immagine.
    Tu hai provato, l’ «attraversamento dello specchio» (come direbbe Antoni Tapiès).

  4. Stefania Mola
    5 luglio 2009

    Carissima,
    sento solo di aver “attraversato” (a modo mio) le cose, un fatto, le parole per esprimerli. Semplicemente. Sono una Alice volenterosa in pieno apprendistato. 🙂
    La scrittura (come la musica ed ogni “arte”) ha la capacità di “portare altrove”, ma il “merito” (o la “colpa”) è equamente ripartito: tra chi ha scritto e chi legge. E tu hai questa “vista” speciale che la tua Arte ti dona.

    Buona notte, buona domenica, ti abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 luglio 2009 da in Federico Fellini, Pina Bausch con tag , .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,775 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: