Archivi tag: Cronache squilibrate

Incanto adriatico

mostra_vivarini_alberoSull’acqua e i commerci fiorisce la particolarissima storia di Venezia intrecciandosi con l’Adriatico e le sue città. Golfo di Venezia, dicono le mappe, a indicare il lungo bacino dominato a nord dalla Serenissima ed esteso verso sud fino a Otranto e Valona. Coprotagonista di questa storia plurisecolare, la Puglia si inserisce sin dall’antichità fornendo alla città lagunare materie prime, importando prodotti di lusso e smistando i traffici di merci dirette verso il Medio Oriente e destinate a transitare per il Canale d’Otranto.

Continua a leggere Incanto adriatico

Lettera di Oriana Fallaci a Pier Paolo Pasolini dopo la sua morte

pasolini_fallaci_cedernaPrendo in prestito questa testimonianza dal blog Biblioterapia italiana, perché amo lei ma non sono mai riuscita ad amare completamente lui. C’è sempre una ragione nelle cose, anche quando apparentemente ci sfugge.

——————

Roma 16 novembre 1975
Da qualche parte, Pier Paolo, mischiata a fogli e giornali e appunti, devo avere la lettera che mi scrivesti un mese fa. Quella lettera crudele, spietata, dove mi picchiavi con la stessa violenza con cui ti hanno ammazzato. Me la sono portata dietro per due o tre settimane, le ho fatto fare il giro di mezzo mondo fino a New York, poi l’ho messa non so dove e mi chiedo se un giorno la ritroverò. Spero di no. Vederla di nuovo mi farebbe male quanto me ne fece quando la lessi e rimasi intirizzita a fissar le parole, sperando di poterle dimenticare. Non le ho dimenticate, invece. Posso quasi ricostruirle a memoria. Più o meno, così: «Ho ricevuto il tuo ultimo libro. Ti odio per averlo scritto. Non sono andato oltre la seconda pagina. Non voglio leggerlo, mai. Non voglio sapere cosa v’è dentro la pancia di una donna. Mi disgusta la maternità. Perdonami, ma quel disgusto io me lo porto dietro fin da bambino, quando avevo tre anni mi sembra, o forse erano sei, e udii mia madre sussurrare che…». Non ti risposi. Cosa si risponde a un uomo che piange la sua disperazione di trovarsi uomo, il suo dolore d’essere nato da un ventre di donna? Continua a leggere Lettera di Oriana Fallaci a Pier Paolo Pasolini dopo la sua morte

Με την Ελλάδα

atene“Abbattete tutta la Grecia a una profondità di 100 metri.
Svuotate i musei di tutto il mondo.
Abbattete qualsiasi cosa sia greca, ovunque nel mondo.
Dopo, eliminate la lingua greca dappertutto.
Dalla vostra medicina e dalla vostra farmacia.
Dalla vostra matematica (geometria, algebra).
Dalla vostra fisica e chimica.
Dalla vostra astronomia.
Dalla vostra politica.
Dalla vostra vita quotidiana. Continua a leggere Με την Ελλάδα

Ri/corsi

isis

«Tutto quanto i russi, gli ucraini, i kirghisi potessero imparare a scuola (non foss’altro che a leggere e scrivere) finirebbe per volgersi contro di noi. Un cervello illuminato da alcune nozioni di storia giungerebbe a concepire alcune idee politiche, e questo non andrebbe mai a nostro vantaggio. Meglio installare un altoparlante in ogni villaggio: dare alcune notizie alla popolazione, e soprattutto distrarla».

(Parere espresso da Hitler l’11 aprile 1942 sulle Direttive del 5 febbraio 1942 per la frequenza scolastica dei bambini polacchi nell’area di Poznan)