Squilibri

Leggo per legittima difesa. E per trovare domande

Lei dunque capirà

alberto savinioIl monologo di una novella Euridice si leva al confine tra la vita che si traduce in letteratura e la letteratura che si impregna di vita. A parare i colpi inferti dalla possibilità di penetrare l’«orrido nulla», il mistero della vita e della morte, l’«immenso labirinto del prima e del dopo, del mai e del sempre e dell’io e del tu».

Per amore, di cui la sua voce si fa atto e canto, per personale catarsi, per incomprensibile espiazione della colpa di un progetto fallito. Forse non fu Orfeo a contravvenire all’unico divieto imposto dai custodi dell’Ade. Forse lui si voltò perché fu lei a voler essere perduta.

Lei dunque capirà, infine. Resa, rinuncia, ma anche rivendicazione fiera: non c’è recita che possa eludere «vero dolore e passione».

La chiusura dei conti è per voce sola.


Claudio Magris
Lei dunque capirà
Garzanti, Milano 2006

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 aprile 2006 da in Claudio Magris con tag .

Sto leggendo (o rispolverando)

I libri che ho appena letto:
Stefania's book list (read shelf)

Inserire il proprio indirizzo email per iscriversi a questo blog ed essere avvisati via mail della pubblicazione di nuovi articoli.

Segui assieme ad altri 114 follower

Pagine sfogliate da

  • 147,043 lettori squilibrati

Tanto per contare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: